Pedicure con i pesci, il caso della donna che perde le unghie

Si tratta di una pratica decisamente singolare ma che viene utilizzata come pedicure, immergere i piedi in una vasca dove sono contenuti dei pesci che cominciano a “mordicchiare” e praticamente ad estirpare tutte le pellicine “vecchie”, ma evidentemente ci possono essere anche dei rischi come sottolinea l’articolo pubblicato sulla rivista JAMA Dermatology .

L’episodio è accaduto ad una donna che sei mesi prima aveva utilizzato questo sistema, immergendo i piedi in una vasca d’acqua piena di minuscoli pesci chiamati Garra rufa che mangiano la pelle umana morta quando non trovano plancton in giro, successivamente però la donna si è resa conto che le sue unghie cominciavano a cadere.

Penso che questo sia probabilmente più comune di quanto pensiamo“, ha rivelato l’autore del rapporto pubblicato su Jama Dermatology, il dott. Shari R. Lipner, un assistente di dermatologia presso Weill Cornell Medicine. “Non vediamo il risultato riguardante le unghie fino a mesi dopo l’evento, quindi penso che sia difficile per i pazienti e per i medici – specialmente se non sono nemmeno consapevoli che le pedicure del pesce possono farlo – fare questo collegamento“, ha detto .

Questo fenomeno, noto ai medici come onicomadesi, di solito provoca la caduta dell’unghia molto tempo dopo che un evento iniziale (come ad esempio un infortunio) arresta la crescita delle unghie, nel suo rapporto, Lipner descrive questo come un “reperto di esame fisico relativamente comune” che è stato collegato a infezioni, farmaci, condizioni autoimmuni ed ereditarie.

Lipner ha detto che il paziente non aveva altra storia medica che potesse collegarsi ad una tipologia di unghie anormali, anche se non esiste un test definitivo per la perdita dell’unghia del piede indotta da un pesce “penso che siamo abbastanza sicuri che sia stata la pedicure dei pesci“, ha rivelato.

Non sono affatto convinto che i pesci abbiano causato il problema“, ha scritto invece in una email la dottoressa Antonella Tosti, professoressa di dermatologia di Fredric Brandt alla Dermatologia dell’Università di Miami, Miller School of Medicine.

Tosti, ex presidente della European Nail Society, ha affermato che il problema della donna potrebbe essere causato da qualcosa di molto più banale: sovrapposizione di dita dovuta ad un certo tipo di scarpa. “Questo non è raro nelle donne con un piede greco … che indossano i tacchi alti e scarpe individuate“, ha confermato Tosti, riferendosi a piedi le cui dita dei sono più lunghe del primo, come le statue greche.

Pedicure con i pesci ci sono controindicazioni?

Pedicure con i pesci ci sono controindicazioni

Lipner non è a conoscenza di altri casi simili collegati alle spa dove vengono utilizzati metodologie di pedicure dei pesci, la cui popolarità sembra derivare da affermazioni infondate sui loro benefici per la salute, secondo il suo rapporto. Tuttavia, l’uso di “pesci dottori“, come sono anche conosciuti, va indietro nel tempo in altri paesi, come la Turchia.

Un’altra specie di pesce al quale “cresce i denti e può prelevare il sangue“, a volte viene scambiata per Garra rufa e usata nelle pedicure dei pesci, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Lipner non è stato in grado di identificare le specie ittiche coinvolte in questo caso.

Mentre Lipner crede che i problemi della donna derivino dall’impatto fisico del pesce che morde l’unghia, ha notato che ci sono state anche segnalazioni passate di infezioni associate a pedicure di pesce.

Gli esperti dicono di non essere sicuri di come le infezioni potrebbero diffondersi attraverso le pedicure dei pesci, potrebbe essere dovuto a microrganismi persistenti ma gli stessi esperti di salute hanno sollevato dubbi sul fatto che, nelle vasche di pesci, gli stessi vengano riciclati da persona a persona e che le vasche non vengano pulite correttamente tra un utilizzo e l’altro.

Nel Regno Unito, “i salotti stessi erano molto popolari qui; sono sorti molto rapidamente“, ha detto Amanda Walsh, una scienziata senior del team di salute pubblica in Inghilterra. Nel lavoro svolto in precedenza con l’Agenzia per la protezione della salute del Regno Unito, ha contribuito a stilare le linee guida 2011 dell’agenzia per le terme di pesci.

Le loro raccomandazioni riguardavano l’igiene e il controllo delle infezioni, “come sarebbe richiesto per altri tipi di saloni di bellezza“, ma c’erano controindicazioni speciali per le pedicure che dovevano essere considerati; recente ceretta o rasatura, alcuni disturbi della pelle e tagli sui piedi o sulle gambe potrebbero aumentare il rischio di infezione.

Nel 2011, un’indagine condotta dall’Ispettorato per la salute dei pesci nel Regno Unito ha riscontrato un’epidemia di batteri tra migliaia di questi pesci, che erano stati trasportati dall’Indonesia alle spa di pedicure del Regno Unito. I pesci sono stati trovati con gli occhi sporgenti, infezioni intorno alle branchie e alla bocca. Il colpevole è risultato essere un batterio streptococco, un ceppo associato a pesci come il tilapia, secondo David Verner-Jeffreys, un anziano microbiologo del Centro per l’ambiente, la pesca e l’acquacoltura nel Regno Unito.

Non direi che rappresenta necessariamente un rischio significativo per gli esseri umani, ma ha dimostrato che potrebbero portare problematiche sia per i pesci che per gli umani“, ha aggiunto.

Ma nel Regno Unito, la mania delle terme dei pesci non è rimasta per molto tempo. “Era come una moda, la gente si entusiasmava e poi passava alla prossima novità“, ha detto Verner-Jeffreys, che ha aggiunto che la preoccupazione per le terme dei pesci non riguarda solo la salute umana.

redazione

I contenuti pubblicati dalla redazione di Italiaglobale.