Russia-Ucraina: La crisi è più viva che mai

redazione

La crisi Russia-Ucraina, in corso dal 2014, è tornata all’ordine del giorno a causa della morte di 4 soldati ucraini nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale, il 26 marzo, e della mobilità dell’esercito russo ai confini dell’Ucraina.

Russia-Ucraina La crisi piu viva che mai

La Russia ammucchia decine di migliaia di truppe in Crimea e al confine ucraino, e navi da guerra e aerei si sono esercitate nel Mar Nero. In questa atmosfera, il presidente russo Vladimir Putin ha detto, riferendosi sia all’Ucraina che all’Occidente, “Non vogliamo bruciare ponti, ma daremo la risposta più dura a coloro che vogliono bruciarli“.

Le regioni separatiste filorusse orientali dell’Ucraina non solo hanno portato due paesi slavi l’uno contro l’altro, ma il coinvolgimento dell’Occidente a fianco di Kiev nel problema ha sollevato pericolosamente le tensioni. La crisi di sette anni è iniziata con il rovesciamento del leader filo-moscovita Viktor Yanukovich in Ucraina all’inizio del 2014. Dopo che i filo-occidentali sono saliti al potere a Kiev, la Russia ha annesso la Crimea di proprietà ucraina e, subito dopo, i separatisti nelle regioni dell’Ucraina di Lugansk e Donetsk hanno dichiarato l’indipendenza con il sostegno di Mosca.

Le parti si incolpano a vicenda per l’improvvisa esplosione della crisi sette anni dopo. Tuttavia, è interessante notare che l’escalation è iniziata subito dopo che Joe Biden ha assunto la presidenza americana, definendo Putin “l’assassino” e promettendo che “la Russia pagherà il prezzo“. Non è raro per coloro che pensano che Biden stia cercando di utilizzare l’affare Russia per riparare le relazioni danneggiate USA-UE sotto l’ex presidente Donald Trump.

Sebbene l’inizio del ritiro delle truppe da parte della Russia abbia abbassato la tensione, il problema che ha creato la crisi è rimasto in sospeso. Prima della decisione, alcuni pensavano che la Russia si stesse preparando a invadere l’Ucraina orientale o aspettasse un’opportunità per istituire una forza di mantenimento della pace, e alcuni credevano che il Cremlino stesse mettendo alla prova la pazienza di Biden.

Nonostante la rigidità dello stile nell’ultimo discorso di Putin, il messaggio principale è stato “Se tocchi i nostri interessi, ricambiamo“. Ciò dimostra che il mantenimento dello status quo nell’Ucraina orientale è l’attuale priorità della Russia. Un messaggio nascosto è stato dato alla NATO per impedire l’adesione dell’Ucraina.

Una situazione simile si è verificata nel 2008, quando la Georgia ha cercato di reintegrare l’Ossezia del Sud e l’Abkhazia, che hanno dichiarato l’indipendenza unilateralmente, hanno trovato la Russia in faccia, e l’Occidente, che ha accarezzato la schiena di Tbilisi per l’adesione alla NATO, ha lasciato i georgiani al loro destino.

Next Post

Kazakistan inizia ad utilizzare il vaccino fatto in casa

Il Kazakistan ha iniziato a utilizzare il vaccino “domestico” QazVak contro il coronavirus. Il primo vaccino è stato somministrato al ministro della Salute Aleksey Tsoy. Affermando di sentirsi bene dopo la vaccinazione, Tsoy ha rilasciato dichiarazioni sul vaccino locale, che ha iniziato ad essere somministrato al pubblico a partire dalla […]
Kazakistan inizia ad utilizzare il vaccino fatto in casa