Sicilia, i sindaci locali protestano contro Alitalia

redazione

La maggior parte delle compagnie aeree, con l’inizio della Fase 3, è tornata a far decollare i suoi velivoli, collegando tutte le regioni d’Italia tra loro e con l’estero.

Tutto tornato alla normalità, quindi?

Non proprio, perché se già precedentemente i collegamenti con le isole erano sovente molto dispendiosi e non sempre facili, ora la situazione è nettamente peggiorata.

Nel mirino ancora una volta Alitalia: il sindaco di Palermo e presidente di Anci Sicilia, Leoluca Orlando, insieme agli altri primi cittadini, ha infatti deciso di inscenare una protesta allo scalo del capoluogo contro la compagnia area rea di aver abbandonato l’aeroporto di Trapani e di praticare prezzi alti per i biglietti delle altre destinazioni.

Sicilia i sindaci locali protestano contro Alitalia
Sicilia (Foto@Flickr)

 “La mobilità aerea – ha spiegato Orlando – non solo è fondamentale per la ricchezza dei nostri territori e lo sviluppo del turismo ma ci consente anche di accogliere i turisti al meglio delle nostre possibilità mettendo a loro disposizione il nostro immenso patrimonio artistico e culturale”.

“Per questi motivi – ha concluso Orlando – ritengo vergognoso il comportamento della ‘cosiddetta’ compagnia di bandiera che, pur ricevendo tre miliardi di euro dallo Stato e avendo generato uno stato di monopolio pubblico nel settore della mobilità internazionale, vuole far pagare ai siciliani gli sprechi del passato”.

Next Post

Usa, ritornano le discriminazioni in ambito sanitario per i transgender

Dagli Usa, dopo l’uccisione di un afroamericano da parte di un agente di polizia, è partito un movimento di protesta contro il razzismo che si è espanso in tutto il mondo. Decine di città sono state messe a ferro e fuoco dai manifestanti, milioni di persone sono scese in piazza […]
Usa ritornano le discriminazioni in ambito sanitario per i transgender