Brexit, al voto 46 milioni di britannici

Eleonora Gitto

Brexit, al voto 46 milioni di britanniciBrexit, 46 milioni di britannici al voto.

I seggi sono rimasti aperti dalle 8 alle 23. Le condizioni meteo erano avverse e ci sono stati disagi nei trasporti pubblici.

La Gran Bretagna deve decidere se restare o uscire definitivamente dall’Unione Europea. Diciamo definitivamente, perché anche Jean Claude Juncker avverte: “Chi è fuori, è fuori, nessun altro compromesso è possibile”.

Per il premier Cameron, vale il Tweet: “Votate Remain, così i nostri figli e nipoti avranno un futuro più brillante”.

Dal canto suo Jeremy Corbin, Segretario del Partito Laburista, ha scritto anche lui in un Tweet: “Ho appena votato Remain. L’Ue offre il miglior quadro per rispondere alle sfide dei nostri tempi”.

Purtroppo a Londra sta piovendo molto, e parte del servizio pubblico è in tilt. In alcuni seggi della città l’accesso potrebbe risultare problematico.

In Scozia invece c’è bel tempo, e verosimilmente l’affluenza sarà comunque alta. Se la Gran Bretagna dovesse uscire dall’Ue, si prevede comunque che i tempi tecnici per l’uscita saranno lunghi, in un processo che durerà dai due ai sette anni.

La Gran Bretagna, infatti, dovrà negoziare nuovi accordi bilaterali con tutti i Paesi della UE, operazione lunga, farraginosa e complicata.

Next Post

Bagnasco: la cultura dominante è fatta per distrarci

Per il Cardinal Bagnasco la cultura dominante è fatta per distrarci. L’Arcivescovo di Genova e presidente della Cei, in un’omelia nella sua città, ha detto: “La cultura dominante, la società in cui viviamo, sembra spingerci a distrarci volendo impedirci di pensare. Siamo culturalmente assediati da innumerevoli fatti, emozioni che vogliono […]
Bagnasco: la cultura dominante è fatta per distrarci