Cascata rossa in Antartide ecco il mistero è svelato

cascata rossa antartide

Era una fitta concentrazione di alghe rosse, questa almeno fino al 2003 veniva diffusa come unica spiegazione, o ipotesi, scientifica avanzata fin da quando la famosa “cascata di sangue” è stata scoperta in Antartide, una cascata di colore rosso vivo che ha acceso la curiosità di tantissime persone, e soprattutto scienziati, in tutto il mondo.

Finalmente svelato un mistero che appassionava migliaia di curiosi, si tratta delle famose cascate di “sangue”.

La cosiddetta “cascata di sangue” scoperta in Antartide nel lontano 1911 da un gruppo di geologi, era stata attribuita alla presenza di alghe rosse nell’acqua, supposizione poi ritenuta errata per arrivare alla vera motivazione ci sono voluti tanti anni.

Anni e anni di ricerche e soprattutto di analisi biologiche e chimiche per riuscire a svelare questa sorta di mistero che colora l’acqua di un rosso sangue e crea un effetto veramente incredibile che lascia lo spettatore assolutamente a bocca aperta.

La cascata rossa svela il suo mistero grazie ad una particolare forma di microrganismi che nel tempo si sono evoluti e sono riusciti a sopravvivere alle condizioni avverse, i ricercatori sono arrivati a tale conclusione grazie al RES (radio eco sounding) un ecolocazione che ha permesso di scoprire la massa d’acqua che scorre sotto la parte ghiacciata dell’Antartide e che per anni e anni ha proseguito senza congelarsi.

Lo studio è stato portato avanti grazie ad una collaborazione del Colorado College e la University of Alaska Fairbanks, i team hanno pubblicato la documentazione ce conferma come l’effetto derivi da un lago salato che si trova nella parte sotterranea dei ghiacci e che era già in essere oltre 1,5 milioni di anni fa, tale lago contiene dosi di ferro in quantità elevata.

Naturalmente appena scoperta la cascata aveva portato con se, negli anni, numerose leggende e ipotesi, tra queste si era parlato addirittura di “sangue”, mentre scientificamente la spiegazione, almeno fino a successiva smentita, era legata alla presenza di alghe rosse.

redazione

I contenuti pubblicati dalla redazione di Italiaglobale.