Grecia: Aitoliko la città avvolta dalle ragnatele
Grecia Aitoliko la citta avvolta dalle ragnatele

La piccola Venezia della Grecia, una città completamente avvolta dalle ragnatele.

Sembra un film dell’orrore: una città coperta da migliaia di ragnatele, ognuna strisciante con orde di ragni, ma per i residenti di questa cittadina in Grecia, è una realtà spettrale.

Nei giorni scorsi, le tele hanno avvolto piante, alberi e barche lungo la laguna di Aitoliko, una città di canali altrimenti conosciuta come la “Piccola Venezia” della Grecia.

Giannis Giannakopoulos ha notato il “velo di reti” all’inizio di questa settimana e ha catturato le creazioni dei ragni con la sua macchina fotografica.

È naturale che questa zona abbia insetti, nessuno è particolarmente preoccupato“, ha detto alla CNN. “Ma non ho mai visto nessuna ragnatela così grande nella mia vita.

Il fenomeno è raro, sebbene le reti siano apparse prima anche in altre parti del paese, secondo l’aracnologa Maria Chatzaki, provengono sempre dallo stesso tipo di ragno: il genere Tetragnatha, una piccola creatura non più lunga di 2 centimetri.

Chatzaki ha detto alla CNN che le reti si trasformano spesso in coperture simili a fogli che ospitano migliaia di ragni che vivono sottoterra.

La biologa greca Fotis Pergantis, presidente del Messolonghi National Lagoon Park, ha detto che c’è una spiegazione semplice.

Dietro il fenomeno, ha confermato la Pergantis, c’è il cibo preferito dai ragni, ovvero: i moscerini.

Piccoli insetti simili alle zanzare con una durata di vita di 2-3 giorni, i moscerini usano la maggior parte della loro esistenza per riprodursi, vivono a temperature calde e umide e continuano a riprodursi in quel periodo.

Poiché le temperature in Aitoliko ultimamente sono state l’ideale per i moscerini, la Pergantis ha detto che c’è stata un’intera serie di riproduzioni in corso.

Quando queste temperature durano abbastanza a lungo, possiamo vedere una seconda, terza e quarta generazione di moscerini che terminano così con grandi quantità di loro popolazioni“.

Con la crescita della popolazione anche i ragni prosperano e si moltiplicano.

È il semplice fenomeno preda-predatore“, ha detto la Pergantis. “Sono le reazioni naturali dell’ecosistema e una volta che le temperature iniziano a calare e le popolazioni di moscerini si estinguono, anche le popolazioni di ragni diminuiranno“.

Né i moscerini né questi ragni sono pericolosi per l’uomo, ma i residenti di Aitoliko dovranno poi armarsi di santa pazienza per “spolverare” tutta la zona.

Un fenomeno senza precedenti e assolutamente strano accaduto nella città greca, la gente locale si è svegliata e ha visto un’area di oltre 300 metri completamente ricoperta da ragnatele senza fine.

Questa scena assurda è accaduta sulla spiaggia del lato est della laguna della zona.

Le ragnatele si estendono di alberi in alberai e in tutta la vegetazione “gonfie” tra palme e tamerici, durante gli ultimi giorni, gente del posto e turisti si lamentavano del fatto che continuavano a vedere stormi di zanzare che volavano sopra l’area.

Quindi, la gente presume che le ragnatele debbano essere la risposta della natura per mantenere l’equilibrio intorno alla regione, intrappolando gli insetti fastidiosi.

Qualunque sia la spiegazione, le scene di Aitoliko sono impressionanti.

foto@Giannis Giannakopoulos

I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Italiaglobale a firma della redazione.

You May Also Like

Kamikaze si fa esplodere ad Istanbul in Turchia

Attentato ad Istanbul in Turchia per mano di un kamikaze. Un kamikaze…

DonaId Trump: Papa Bergoglio troppo politicizzato

Il candidato alle primarie repubblicane Donald Trump, prende posizione contro Papa Bergoglio,…