Theresa May, “la terribile” sarà il nuovo Premier inglese
Theresa May, “la terribile” sarà il nuovo Premier inglese

Theresa May, “la terribile” sarà il nuovo Premier inglese Theresa May, detta “la terribile” sarà il nuovo Premier inglese.

Al momento è il ministro dell’Interno britannico, ma è appena stata indicata a Downing Street come Primo Ministro.

L’attuale premier David Cameron si dice felice di sostenerla. Quanto sia vero, non si sa, comunque cambia poco.

Dice Theresa: “Cercheremo il miglior accordo per traghettare la Gran Bretagna fuori dalla UE. Brexit significa Brexit, e alla fine sarà un successo”.

Povera illusa. A parte il fatto che certamente i tempi saranno lunghi e di sangue ne scorrerà, si dovrà trovare pure all’interno del Parlamento Inglese una maggioranza disposta a ratificare l’uscita, maggioranza che per adesso non c’è.

Poi c’è il problema del distacco della Scozia e forse anche dell’Irlanda del Nord, le velleità separatistiche delle quali si sono fatte risentire con forza.

In Scozia e in Irlanda del Nord non vogliono uscire dall’Europa. Resta anche il dente avvelenato della Commissione Europea, e un atteggiamento certamente, almeno all’inizio, non amichevole da parte delle altre nazioni europee, le quali vorranno trarre, a questo punto, singolarmente, i massimi benefici dalla Brexit.

La signora May ha finora svolto una politica inflessibile sull’immigrazione, tanto che molti la paragonano alla terribile Lady di Ferro, Margaret Thatcher.

Giornalista e appassionata del web, condivide la passione della scrittura sia su cartaceo che online. Presidente presso Comunicazione e Territori scarl

You May Also Like

DonaId Trump: Papa Bergoglio troppo politicizzato

Il candidato alle primarie repubblicane Donald Trump, prende posizione contro Papa Bergoglio,…

Idomeni, al via lo sgombero del campo profughi

Al via lo sgombero di Idomeni, il più grande campo profughi d’Europa.…

Muro Brennero, il cancelliere austriaco Faymann si dimette

Il Cancelliere austriaco Werner Faymann si dimette dopo la questione Brennero. Un…