Unioni civili, il figlio dei gay canadesi e Giorgia Meloni

Unioni civili, il figlio dei gay canadesi e Giorgia MeloniUnioni Civili, le polemiche continuano: Giorgia Meloni e il figlio di una coppia gay canadese.

BJ Barone e il suo compagno hanno ricevuto un figlio da Kathy, madre surrogata, il 27 giugno 2014. Per pura propaganda politica la foto della famigliola è stata messa su un manifesto di Fratelli d’Italia, movimento che stigmatizza l’adozione.

BJ ha fato richiesta a Fratelli d’Italia affinché non utilizzassero quella foto. E, indipendentemente da ogni considerazione politica, la richiesta deve essere senz’altro accettata perché sul manifesto c’è la foto di un bambino, e questo non si può fare.

Ma BJ fa di più, perché invita Giorgia Meloni a visitare la famiglia e a costatare come cresce bene il ragazzino. “Cara Meloni, dice BJ Barone, venga qua (in Canada) e vedrà come cresce bene Milo”.

Il tutto ovviamente si inserisce in questo periodo in un momento molto caldo per quanto riguarda i diritti civili, e in particolare la legge sulle unioni civili, che fra non molto sarà approvata con tutta probabilità definitivamente dalla Camera.

Senza contare che la famosa stepchild adoption, stralciata dal testo iniziale della stessa legge sule unioni civili, diviene parte di una legge specifica che è in via di approvazione anch’essa nei prossimi mesi.

Eleonora Gitto

Giornalista e appassionata del web, condivide la passione della scrittura sia su cartaceo che online.