Vaccino Pfizer, funziona anche con variante covid-19

redazione

Una nuova ricerca pare confermare che il vaccino COVID-19 di Pfizer può proteggere da una mutazione trovata nelle due varianti più contagiose del coronavirus che sono scoppiate in Gran Bretagna e Sud Africa.

Lo studio era preliminare e non ha esaminato gli altri due principali vaccini utilizzati in Occidente: Moderna e AstraZeneca. Ma è stato rassicurante, viste le domande se il virus potesse mutare.

Non c’è motivo di pensare che i vaccini non funzioneranno altrettanto bene su questi ceppi“, ha detto il dott. Frederic Bushman dell’Università della Pennsylvania, che tiene traccia di come il virus muta.

La versione mutata che circola in Gran Bretagna è stata rilevata anche negli Stati Uniti e in numerosi altri paesi. Questo e la variante vista in Sud Africa stanno causando preoccupazione globale perché sembrano diffondersi più facilmente, anche se quanto di più non è ancora noto.

Vaccino Pfizer funziona anche con variante covid-19

Bushman, che non era coinvolto nello studio Pfizer, ha ammonito di aver testato un solo vaccino contro una mutazione preoccupante. Ma i vaccini Moderna e AstraZeneca sono sottoposti a test simili e ha detto che si aspetta risultati simili.

Questo perché tutti i vaccini finora stanno spingendo i corpi dei riceventi a produrre anticorpi contro più punti sulla proteina spike che ricopre il virus.

Una mutazione può modificare un piccolo posto, ma non interromperà il legame con tutti loro“, ha spiegato Bushman.

Sebbene gli scienziati non si aspettassero che una singola mutazione avrebbe completamente ribaltato gli sforzi per fermare la pandemia, è ancora un’importante area di studio perché il coronavirus, come tutti i virus, si evolve costantemente. Questo studio segna solo l’inizio di un monitoraggio continuo per assicurarsi che tutti i vaccini in fase di lancio nel mondo continuino a funzionare.

Lo studio ha esaminato una modifica alla proteina spike condivisa da entrambe le varianti, chiamata N501Y, che si ritiene responsabile della trasmissione più facile. Pfizer e ricercatori della University of Texas Medical Branch di Galveston hanno condotto test di laboratorio per vedere se quella mutazione poteva contrastare il vaccino.

Hanno utilizzato campioni di sangue di 20 persone che hanno ricevuto il vaccino, prodotto da Pfizer e dal suo partner tedesco BioNTech. Gli anticorpi di quei riceventi hanno difeso il virus nei piatti di laboratorio, secondo lo studio, pubblicato giovedì in tarda serata su un sito online per i ricercatori.

I risultati non sono stati ancora esaminati da esperti esterni, un passaggio fondamentale per la ricerca medica.

Ma “è stata una scoperta molto rassicurante che almeno questa mutazione, che era una di quelle per cui le persone sono più preoccupate, non sembra essere un problema per il vaccino“, ha detto il dottor Philip Dormitzer, direttore scientifico della Pfizer.

Next Post

Marte, la Nasa stupisce con le foto di un enorme canyon

Anche se non è esattamente esatto: quello su Marte, chiamato Valles Marineris, è quasi 10 volte più lungo e tre volte più profondo del nostro sulla Terra, stiamo parlando di un enorme canyon.  E mentre gli scienziati ancora non sanno come si è formato il canyon, le immagini dalla ricerca in corso […]
Nasa stupisce con le foto di un enorme canyon