alfred nobel la svezia breve storia di un premio

Alfred Nobel la Svezia, breve storia di un Premio blasonato tra grandi attese, polemiche e contraddizioni.

In questi giorni non si fa altro che parlare di Premio Nobel: un premio blasonato, criticato, importante, snobbato, esaltato, e chi più ne ha più ne metta. Certamente controverso, se vogliamo dirla tutta.

Da Marie Curie a Rita Levi Montalcini, da Boris Pasternak a Ernest Hemingway, da Aung San Suu Kyi a Barack Obama, fino a Bob Dylan, ogni Premio Nobel è stato accompagnato sempre da polemiche. Eppure ognuno dei Nobel citati rappresenta un’epoca, una scoperta rivoluzionaria, una svolta epocale. Ma qual è la storia del Premio Nobel? Perché si celebra a Stoccolma?

Alfred Nobel e la nascita del Premio

Chi era questo Alfred Nobel e com’è nato il Premio? Bisogna risalire all’ottocento, quando Alfred nacque a Stoccolma nel 1833. La genealogia era di rango, dal momento che Alfred era il discendente di una nota famiglia svedese di industriali.

Suo padre, trasferitosi a San Pietroburgo, nei pressi di Mosca, con tutta la famiglia nl 1838, riuscì a risollevarsi dopo una bancarotta che lo vide protagonista in Svezia. Alfred studiò quindi in Russia, e divenne ben presto un ottimo traduttore e soprattutto un valente chimico. Il giovane prima si trasferisce a Torino e a Parigi, poi negli Stati Uniti, dove perfeziona le proprie conoscenze sugli esplosivi.

Nobel perfeziona le proprie conoscenze sulle bombe, e in particolare sui detonatori. Diviene quindi famoso per aver inventato la dinamite, e questo gli consente di aprire decine di fabbriche in Europa, anche in Italia. Nella sua vita, brevetta 360 invenzioni industriali. Muore nel 1896, lasciando come testamento la propria volontà d istituire un importante premio dedicato alla ricerca e all’arte. Una specie di riscatto morale nei confronti di chi lo aveva considerato, forse non a torto, anche un mero mercante di morte. Successivamente viene rivalutato come filantropo.

Premio Nobel, dove e a chi

premio nobel rita levi montalcini

I Premi Nobel normalmente sono assegnati nel mese di ottobre, e la cerimonia di consegna avviene a Stoccolma il 10 dicembre, presso la Sala dei Concerti. I premi afferiscono a diverse discipline: chimica, fisica, medicina o fisiologia, letteratura, economia, pace. Quest’ultimo argomento, non essendo ovviamente una disciplina scientifica, né una branca dell’arte, è stato spesso criticato in termini di assegnazione, in quanto soggetto spesso a valutazioni più politiche che oggettive.

Insieme al Premio, viene consegnato un assegno di 8 milioni di corone, che corrispondono a poco meno di un milione di euro. Si dice che i premi stessi siano tuttora finanziati in virtù degli interessi ottenuti sul capitale donato da Alfred Nobel prima della sua morte.

I Premi Nobel italiani

Fra gli Italiani che hanno ricevuto il Premio Nobel per la letteratura, Giosuè Carducci, nel 1906, Grazia Deledda nel 1926, Luigi Pirandello nel 1934, Salvatore Quasimodo nel 1959, Eugenio Montale nel 1975, Dario Fo nel 1997.

Premio Nobel 2017, per la letteratura vince Kazuo Ishiguro

L’ultimo a essere premiato quest’anno è stato il grande scrittore inglese di origine giapponese, Kazuo Ishiguro. Non c’è dubbio comunque che, nonostante le ricorrenti e notevoli polemiche che seguono sovente all’assegnazione di un premio (vedi ad esempio quello per la letteratura l’anno scorso a Bob Dylan), il prestigio del premio conferisce una assoluta notorietà mondiale agli assegnatari.

Alfred Nobel e la Svezia così godono di particolare grande notorietà in questa stagione dell’anno, quando uno a uno vengono snocciolati i nomi dei vincitori con notevole risalto su tutti i media. C’è da dire peraltro che, per quel che riguarda gli Italiani, c’è una certa carenza di premi nelle discipline di carattere più puramente scientifiche, specialmente negli ultimi decenni.

Segno che la nostra cultura scientifica non è al pari di diverse altre moderne democrazie occidentali. Al momento l’Italia si trova al settimo posto nella classifica mondiale dell’assegnazione dei Nobel. In definitiva Alfred Nobel è un personaggio controverso, come il suo premio. Scienziato fondamentalmente dedito alle invenzioni nel campo bellico, ha poi avuto modo di riscattarsi creando un premio che dura da più di un secolo.

E la sua Svezia, il Paese dei mille laghi dalla indubbia, grande civiltà, ha voluto assecondarlo in questo suo percorso virtuoso, creando le condizioni affinché il premio Nobel vivesse a tutt’oggi nella meravigliosa e civilissima città di Stoccolma una volta l’anno.