Libia, un naufragio miete 117 vittime
Libia un naufragio miete 117 vittime

Ancora una volta il mare si è rivelato la tomba di decine di persone: uomini, donne, bambini costretti a lasciare la propria terra, per sfuggire a fame, guerra, persecuzioni con la speranza di una vita migliore.

Questi migranti sognavano una stufa ed un letto caldo, ed invece ad accoglierli solo il mare che è stato implacabile e li ha inghiottiti: ben 117 migranti risultano dispersi in un naufragio davanti alle coste della Libia. Il gommone era stato avvistato venerdì sera al largo di Tripoli.

Disgraziati che nessuno ha voluto aiutare: «Acquisita la notizia – spiega in nota della nostra Guarda costiera – come previsto dalla normativa internazionale sul Sar, abbiamo immediatamente verificato che la Guardia Costiera libica fosse a conoscenza dell’evento in corso all’interno della sua area di responsabilità, assicurando la massima collaborazione».

Solamente tre superstiti sono stati recuperati da un elicottero della Marina italiana a una cinquantina di miglia a nord est di Tripoli e portati a Lampedusa e proprio loro hanno raccontato che a bordo del gommone c’erano 120 persone.

Tra i dispersi ci sono 10 donne, di cui una incinta, e due bambini, di cui uno di 2 mesi.

foto@MaxPixel

You May Also Like

Superluna, il 14 novembre tutti con il naso all’insù

La sera del 14 novembre tutti con il naso all’insù per non…

Sclerosi multipla, approvato in Europa farmaco Ocrelizumab

La sclerosi multipla è una malattia neurodegenerativa demielinizzante, cioè con lesioni a carico…

Malattie rare, il tema della giornata mondiale è la ricerca

28 febbraio, si celebra la Giornata delle malattie rare, arrivata quest’anno alla decima…