La violenza donna verso uomo è presa meno in considerazione?

redazione

La violenza fisica è spesso percepita da molti, come peggiore di quella mentale. Lo stesso vale per la violenza perpetrata dalle donne e la violenza perpetrata dagli uomini. Quando un uomo viene picchiato da una donna, per l’opinione comune non è considerato in modo grave quanto il contrario. Ciò può essere dovuto alla difficoltà della vittima nel tradurre l’esperienza in parole.

I ricercatori di Lund hanno fatto scrivere le esperienze a 113 persone che erano state sottoposte a violenza psicologica e fisica in una relazione stretta e poi le hanno valutate su una scala. I testi sono stati letti da 340 persone che hanno anche valutato la gravità degli eventi. Si è scoperto che coloro che hanno sperimentato la violenza psicologica hanno valutato i crimini come più gravi di coloro che ne hanno letto. Per quanto riguarda le storie di violenza fisica, la situazione era opposta: coloro che hanno letto gli eventi hanno valutato la violenza come più grave di coloro che sono stati esposti a loro volta.

La violenza donna verso uomo presa meno in considerazione

Spesso ci concentriamo su quanto sia pericolosa la violenza fisica e dimentichiamo coloro che hanno subito abusi psicologici, afferma l’autore principale dell’articolo Sverker Sikström, professore di psicologia all’Università di Lund. Questo può essere semplicemente dovuto a problemi di comunicazione in cui abbiamo difficoltà a capire quanto le persone soffrano effettivamente di violenza psicologica.

Fenomeni come isolamento sociale, aggressione verbale, minacce, paura, controllo del comportamento, molestie, stalking, insulti, umiliazione e diffamazione sono, secondo i ricercatori di Lund, esempi di violenza psicologica che si dice sia più grave dell’essere picchiati, presi a calci, spinti , morso, picchiato o altro, violenza fisica.

È semplicemente più difficile per la vittima trasmettere la gravità della violenza psicologica. E così il mondo esterno lo capirà, dice Sverker Sikström.

I ricercatori di Lund hanno poi esaminato l’importanza del genere per come viene percepita la violenza fisica. Ciò è stato fatto cambiando i nomi di autori e vittime di sesso femminile e maschile. Proprio come i ricercatori avevano ipotizzato nell’ipotesi, la violenza è stata classificata come peggiore se eseguita da un uomo contro una donna, rispetto al contrario.

Ci auguriamo che il nostro studio possa costituire la base per una valutazione più accurata dei crimini violenti in cui vengono prese in considerazione le difficoltà di comunicazione e le nozioni preconcette basate sul genere, afferma Sverker Sikström.

fonte@Forskning.se

Next Post

Rumori alle articolazioni: Cosa possono significare?

Un’articolazione è il punto in cui due o più ossa si incontrano, come ad esempio un ginocchio, l’anca, il gomito o la spalla. Le articolazioni possono essere danneggiate da molti tipi di lesioni o malattie, tra cui artrite, borsite o lussazioni, secondo Medline Plus, la National Library of Medicine degli […]
Rumori alle articolazioni Cosa possono significare