Emmanuel Namdi, a Fermo i funerali del nigeriano venuto “per vivere in pace”

Eleonora Gitto

Emmanuel Namdi, a Fermo i funerali del nigeriano venuto “per vivere in pace”“Era venuto per vivere in pace, ha trovato la morte”: a Fermo si sono celebrati i funerali di Emmanuel Namdi.

Il Duomo di Fermo era gremito per i funerali del richiedente asilo nigeriano ucciso martedì scorso in maniera vigliacca, dopo che Amedeo Mancini, un facinoroso tifoso della Fermana, aveva insultato pesantemente la moglie e lui stesso.

Presenti il Ministro Maria Elena Boschi e il Presidente della Camera Laura Boldrini.  Un atto sentito e dovuto, soprattutto dopo che il governo era stato pesantemente criticato dalla Lega, in quanto non ha partecipato ai funerali degli Italiani uccisi a Dacca.

Sul manifesto funebre si legge la scritta: “Era venuto per vivere in pace, ha trovato la morte. Che dal cielo ci liberi dalle cattiverie umane”.

Monsignor Vinicio Albanesi, che aveva ospitato Emmanuel e la consorte, ha detto, riferito all’aggressore: “E’ una vittima anche lui, e se qualcuno lo avesse aiutato a controllare la sua istintività, la sua aggressività, avrebbe fatto bene”.

Francamente un giustificazionismo, un buonismo che non condividiamo.

Se qualcuno è cattivo, il ragionamento che la colpa è sempre della società non convince. Comunque, Don Vinicio, ha aggiunto: “Noi perdoniamo tutti”.

E questo è forse il vero grande problema del nostro Paese da duemila anni a questa parte.

Next Post

Referendum, il comitato per il “si” raccoglie 580mila firme

Raccolte 580mila firme dal comitato per il “sì” al referendum. Sono circa 580mila le firme raccolte per attivare il referendum per la riforma costituzionale. Ne bastavano 500.000. Domani le firme saranno consegnate alla Corte di Cassazione, dove saranno vagliate. Anche il Comitato per il “no” ha raccolto delle firme, ma […]
Referendum, il comitato per il “si” raccoglie 580mila firme