In Gran Bretagna si impenna in numero delle vittime da Coronavirus

redazione

Ormai è ben chiaro a tutti che il Coronavirus non è solo più un “problema” italiano. Dopo che per giorni tutti gli stati europei hanno “snobbato” la minaccia, ora la pandemia ha colpito veramente tutti, e purtroppo i numeri sono impietosi.

In queste ore a preoccupare maggiormente è la Gran Bretagna: c’è stato infatti un balzo di 563 morti in più solo nelle ultime 24 ore negli ospedali del Regno Unito, concentrati soprattutto in Inghilterra e a Londra, fino a un totale registrato di 2.352, secondo i dati del ministero della Sanità britannico aggiornati ad ieri.

Gli ospedali cominciano ad essere strapieni, le attrezzature mediche a non bastare per tutti, replicando in pieno quello che la Lombardia ha vissuto nelle ultime tre settimane.

In Gran Bretagna si impenna in numero delle vittime da Coronavirus

Ma, a spaventare di più, la notizia inerente alla vittima più giovane, che fa vacillare la “certezza” diffusa secondo cui questo virus sarebbe letale soprattutto per anziani e malati.

La vittima, la più giovane in assoluto di cui si ha notizia, si chiamava Ismail Mohamed Abdulwahab, ed era un figlio della New Britain. Nato a Brixton, quartiere popolare a sud di Londra, è morto al King’s College Hospital, ucciso dal virus nel giro di poche ore. Come Luca Di Nicola, cuoco 19enne di Nereto, anche lui stroncato dal virus in Inghilterra nei giorni scorsi, non aveva problemi di salute pregressi.

Next Post

Confindustria prevede un crollo del Pil del 10%

Tutte le attività produttive ritenute non essenziali sono bloccate da tre settimane e non si sa quando riapriranno con precisione: una decisione certamente non presa a cuor leggera, ma resasi necessaria per arrestare la diffusione della pandemia che ha completamente sconvolto le nostre vite. Questo blocco, lo sappiamo tutti, avrà […]
Confindustria prevede un crollo del Pil del 10