Sclerosi multipla, sospesi trattamenti a base di Zinbryta
Prostata ingrossata la nuova cura PAE

Per fortuna, grazie a un’accurata ricerca, negli ultimi anni il numero delle terapie disponibili per trattare la sclerosi multipla è aumentato significativamente. Non solo esistono farmaci che trattano la malattia, ma ne esisteranno ancora di più nell’immediato e nel prossimo futuro.

Naturalmente ci sono diverse forme di sclerosi multipla, ed è una malattia imprevedibile che colpisce molte persone in modo differente: questo significa che non esiste un unico trattamento uguale per tutti ed inoltre si tratterà di una terapia a lungo termine.

Diversi tipi di farmaci agiscono in modo differente: esistono farmaci che mirano a trattare i meccanismi alla base della malattia (puntano a rallentare la progressione della malattia), e farmaci che trattano i sintomi che si manifestano.

I primi, noti come farmaci/trattamenti modificanti la malattia (in breve DMDs/DMTs), agiscono contrastando la causa alla base dell’infiammazione, riducendo la frequenza di ricadute e, se tutto va bene, rallentando il decorso della malattia. È risaputo che, purtroppo, resta ancora da scoprire il sacro potere di una possibile cura per la sclerosi multipla, perciò l’obiettivo di questo tipo di trattamento è di prevenire i danni così da salvaguardare il più possibile il cervello.

I farmaci più utilizzati in terapia per il controllo dei sintomi sono: interferoni, immunoglobuline, steroidi, antispastici (spasmolitici), antidepressivi e farmaci colinergici per ridurre i disturbi urinari.

Tutti i farmaci e le terapie non sono scevri da effetti collaterali, e proprio per i gravi effetti collaterali che provocherebbe proprio in queste ore è stato predisposto il ritiro immediato di uno dei farmaci più conosciuti e usati contro questa malattia.

Nello specifico, l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha predisposto lo stop immediato alle terapie e ritiro dal commercio in tutto il Vecchio Continente dello Zinbryta, anticorpo monoclonale utilizzato per la gestione delle forme recidivanti di sclerosi multipla.

Il farmaco è un anticorpo in grado di legarsi a molecole specifiche e agire in maniera mirata. Ma una revisione delle evidenze preliminari da parte dell’Ema ha evidenziato un elevato numero di eccessive reazioni infiammatorie a livello cerebrale.

La misura raccomandata dall’Agenzia europea dei farmaci è arrivata dopo che 12 casi di gravi infiammazioni cerebrali, con encefalite e meningoencefalite – di cui tre mortali – sono stati segnalati nel mondo. In Italia i pazienti trattati con questo farmaco, confermano dall’Agenzia italiana del farmaco, sono circa 50.

L’indicazione ai medici è di contattare immediatamente i pazienti in cura con questo medicinale per interrompere il trattamento e ricorrere ad altre alternative, seguendoli con esami specifici per almeno 6 mesi dopo la fine della terapia. La maggior parte dei 12 pazienti che ha sofferto di queste gravi reazioni ha riportato sintomi dopo 8 mesi dall’inizio del trattamento.

I pazienti stessi, precisa l’Agenzia europea del farmaco, se stanno prendendo questo farmaco devono chiamare subito il proprio medico, sospenderne l’assunzione e dirgli se hanno avuto sintomi come febbre, forti mal di testa, nausea, ittero e vomito.

La stessa azienda farmaceutica (Biogen Idec Ltd) ha già chiesto volontariamente il ritiro dell’autorizzazione alla vendita e informato l’Ema dell’intenzione di fermare gli studi clinici. La raccomandazione dell’Ema dovrà ora essere inviata alla Commissione europea per diventare legalmente vincolante.

In realtà il farmaco era già stato sottoposto a restrizione temporanea nel luglio del 2017, dopo essere stato destinato ai diversi pazienti affetti da sclerosi multipla che «non hanno risposto ad altri trattamenti o a coloro che hanno una forma di sclerosi multipla a rapida evoluzione e non possono utilizzare altri trattamenti». Il motivo della restrizione iniziale era un precedente episodio di epatite fulminante che si era verificato in una persona di origini tedesche.

You May Also Like

Vaiolo: come si arrivò a sconfiggerlo

Il vaiolo è una delle peggiori malattie del passato, di origine infettiva,…

Cocaina, il cervello diventa cannibale e si autodistrugge

La cocaina induce il cervello a cannibalizzare i suoi neuroni innescando un…

Fecondazione eterologa, Consiglio di Stato: discriminatorio farla pagare

Il Consiglio di Stato sentenzia che è discriminatorio far pagare la fecondazione…