Arecibo, il radiotelescopio sta cadendo a pezzi

redazione

L’Osservatorio di Arecibo è stato colpito dal’ennesimo colpo il 7 novembre, quando uno dei suoi 12 cavi di supporto principali si è spezzato e ha lacerato la parabola principale del radiotelescopio. L’incidente arriva solo 3 mesi dopo il guasto di un altro cavo. I ricercatori temono che l’aumento delle sollecitazioni sui cavi rimanenti possa portare a guasti a cascata e al collasso della piattaforma dell’antenna sospesa sulla parabola.

Non è una bella immagine“, dice Joanna Rankin, radioastronoma presso l’Università del Vermont. “Questa cosa è seria.” “Senza dubbio” è il peggior incidente accaduto all’osservatorio nella sua lunga storia, dice l’ex direttore Donald Campbell, ora alla Cornell University.

Il telescopio di quasi 60 anni, costruito in una depressione sulle colline di Porto Rico, è ancora apprezzato dai ricercatori. 

La sua enorme parabola di 307 metri, la più grande al mondo fino a quando non è stata superata dal radiotelescopio cinese Aperture Spherical nel 2016, lo rende molto sensibile. Ed è uno dei pochi telescopi con la capacità non solo di ricevere onde radio, ma anche di emetterle, sotto forma di raggi radar, che aiuta i ricercatori a rintracciare asteroidi vicini che potrebbero minacciare la Terra. 

L’osservatorio ha subito danni quando l’uragano Maria ha devastato Porto Rico nel 2017 . Le riparazioni stavano continuando in agosto quando un cavo ausiliario spesso 13 centimetri, uno dei sei teso tra tre torri di supporto e la piattaforma dell’antenna sospesa, si è staccato dalla sua presa sulla piattaforma . I cavi ausiliari sono stati aggiunti nel 1994 per far fronte al peso extra delle nuove antenne aggiunte in un aggiornamento. 

Arecibo il radiotelescopio sta cadendo a pezzi
Foto@Arecibo

Il mese scorso, l’Università della Florida centrale (UCF), che guida un consorzio che gestisce l’osservatorio , ha richiesto 10,5 milioni di dollari per riparazioni di emergenza dai proprietari di Arecibo, la National Science Foundation (NSF).

L’ultima interruzione, alle 19:39, ora locale di venerdì sera, è stata in uno dei cavi di supporto principali spessi 9 centimetri. Quattro di questi cavi corrono da ciascuna delle torri di supporto alla piattaforma da 900 tonnellate. Entrambi i cavi guasti sono stati attaccati alla stessa torre, quindi i cavi rimanenti sono sottoposti a un notevole stress aggiuntivo. “La pressione diventa spaventosa“, dice l’ex direttore di Arecibo Robert Kerr.

NSF ha dichiarato in un comunicato: “Stiamo monitorando la situazione e considerando tutte le possibili opzioni per accelerare la stabilizzazione della struttura. La nostra massima priorità è la salute e la sicurezza del personale di Arecibo “. Il consorzio guidato dall’UCF ha assunto la gestione dell’osservatorio come parte di uno sforzo da parte della NSF per ridurre i suoi finanziamenti alle strutture più vecchie trovando nuovi partner che si assumessero parte dei costi . Il risparmio era necessario per pagare il funzionamento dei nuovi impianti ancora in costruzione. NSF non ha ancora detto se pagherà le riparazioni richieste da UCF o qualsiasi costo aggiuntivo sostenuto dall’ultima rottura del cavo. Ma Campbell afferma che l’impressione generale è che NSF sia stata “molto favorevole sin dalla prima interruzione del cavo”.

Next Post

Covid-19: Guerra economica su chi riuscirà a distribuirlo

Secondo i dati aggiornati, Moderna , Pfizer e altri marchi nella corsa al vaccino contro il coronavirus si stanno avvicinando al traguardo. Questa settimana, Pfizer e il suo partner BioNTech hanno riportato dati di efficacia ad interim positivi dal loro studio di fase 3. Moderna e il team Pfizer hanno entrambi affermato di aspettarsi dati sulla sicurezza […]
Covid-19 Guerra economica su chi riuscira a distribuirlo